Test IT-alert, abbiamo bisogno di te!

É in corso una campagna Nazionale, per studiare la comprensibilità dei messaggi IT-Alert.

Per aiutarci è sufficiente avere sul proprio smartphone l'applicazione TELEGRAMⓒ, accettare di ricevere i messaggi di prova, e rispondere, ogni volta, ad un breve questionario.

Da quel momento in avanti, in maniera del tutto casuale, potrai ricevere attraverso TELEGRAM alcuni messaggi di test IT-Alert; dopo ogni messaggio ti chiederemo di rispondere ad un breve questionario.

I messaggi non saranno più di 3 alla settimana, e rispondere al questionario sarà facile e richiederà al massimo 5 minuti.

Se vuoi partecipare alla campagna di test per la comprensione dei messaggi, segui questi semplici passi:



Grazie!



Informativa Privacy BOT IT-Alert_test

Ultimo aggiornamento 23/06/2020


Gentile Utente,


in ossequio a quanto stabilito nel Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali n. 679/2016 (di seguito GDPR), nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, art. 8, c. 1, nonché nel Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, art. 16, c. 1, e, infine, dal D.lgs. 101/2018, al fine di proteggere i diritti e le libertà fondamentali delle persone fisiche ed, in particolare, il diritto alla protezione dei dati personali, La informiamo sulle modalità di trattamento dei dati personali degli Utenti che interagiscono con il servizio del Bot Telegram “IT_Alert_test_bot”, nonché sulle modalità di esercizio del Suo diritto alla privacy.

Sin da ora si informa l’Utente che le modalità di trattamento e di esercizio summenzionate riguardano solo ed esclusivamente il Bot Telegram “IT_Alert_test_bot”, non già altri siti web, servizi e/o piattaforme esterni, eventualmente collegati tramite link al Bot suddetto.
Alla luce di quanto sopra, ai sensi dell’art. 13 GDPR, desideriamo informarLa che:

  1. Finalità del trattamento

    I dati personali dell’Utente – anche di tipo particolare (art. 9 GDPR) – saranno trattati esclusivamente per le seguenti finalità:
    • miglioramento del nuovo sistema di Allarme Pubblico del Dipartimento della Protezione Civile;
    • miglioramento del testo dei nuovi messaggi di informazione alla popolazione;
    • miglioramento della comprensibilità ed intelligibilità dei nuovi messaggi;
    • perfezionamento delle modalità di erogazione dei servizi di aggiornamento informativo o simili, inerenti l’attività tipica del Bot Telegram.

    Al di fuori delle finalità specifiche suddette, i dati personali dell’Utente saranno trattati anche per le seguenti finalità istituzionali:

    • adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa europea o nazionale ovvero esecuzione dell’ordine dell’Autorità Giudiziaria;
    • archiviazione, ricerca storica ed analisi per scopi statistici, comunque coerenti con l’attività tipica del Bot Telegram.


  2. Facoltatività conferimento dei dati
  3. L’Utente è libero di fornire i propri dati personali richiesti al momento dell’interazione con il Bot Telegram.
    Ciononostante, il mancato conferimento di determinati dati può comportare l’impossibilità di utilizzo del Bot Telegram.
    Nel rispetto del principio di limitazione, di cui all’art. 1 GDPR, il Titolare si impegna a raccogliere e trattare unicamente i dati appropriati e necessari per le finalità di cui al paragrafo 1.



  4. Titolare del Trattamento
  5. Il Titolare del Trattamento è Fondazione CIMA, con sede in Via Armando Magliotto 2 – 17100 Savona – Italia.



  6. Responsabile della Protezione dei Dati (RPD)
  7. Il Responsabile della Protezione dei Dati (RPD) può essere contattato ai seguenti indirizzi: e-mail PEC: cimafoundation@pec.it e-mail: rpd@cimafoundation.org



  8. Modalità del trattamento
  9. I dati dell’Utente sono preferibilmente trattati in formato digitale. Qualora le circostanze fattuali rendessero ciò impossibile, i dati dell’Utente saranno trattati in forma cartacea e, appena possibile, caricati su supporto digitale.

    Il Titolare adotta misure tecniche ed organizzative adeguate a garantire un livello di sicurezza idoneo alla tipologia di dati trattati e, allo scopo, il Titolare utilizza supporti o sistemi di sua proprietà o di soggetti terzi (con i quali ha stipulato accordi contrattuali) idonei a garantire adeguati standard di protezione dei dati conferiti.



  10. Tipologia dei dati trattati
  11. La tipologia dei dati trattati dal Bot Telegram appartiene alla categoria dei dati personali forniti volontariamente dall’Utente. Infatti, in fase di erogazione ed esecuzione dei servizi offerti, l’Utente fornisce volontariamente alcuni dati personali, anagrafici e professionale (nome, cognome, email, titolo di studio, professione, etc.); tali dati vengono acquisiti dal gestore del servizio perché inseriti nell’apposito form erogato tramite lo stesso Bot.

    In ogni caso è escluso il trattamento di dati sensibili così come di quelli giudiziari che, se forniti volontariamente dall'Utente, non saranno archiviati dal gestore, ma debitamente cancellati.



  12. Comunicazione e diffusione dei dati personali
  13. I dati forniti dall’Utente sono prevalentemente trattati dal personale di Fondazione CIMA.

    Ciononostante, alcune operazioni di trattamento potranno essere effettuate anche da soggetti terzi rispetto a Fondazione CIMA, perché affidatari di talune attività funzionali all’erogazione del servizio finale. In capo a tali ulteriori soggetti, vengono imposti opportuni obblighi in materia di protezione dei dati personali ed affidata loro la qualifica di Responsabili del trattamento in relazione alle attività assegnate e ciò mediante contratto o altro atto giuridico previsto dal diritto dell’UE e dal diritto italiano. Nel contratto o nell’atto giuridico vengono comunque fornite dal Titolare del Trattamento al terzo Responsabile del trattamento alcune istruzioni operative con particolare riferimento all'adozione di misure tecniche ed organizzative adeguate a rispettare la riservatezza, la sicurezza e la privacy dei dati ex art. 32 GDPR.

    I dati forniti dall’Utente durante l’utilizzo del Bot Telegram potranno inoltre essere comunicati, per le finalità di cui sopra, a:

    • soggetti cui la comunicazione dei dati debba essere effettuata in adempimento di un obbligo previsto dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria, ovvero per adempiere ad un ordine della Autorità Giudiziaria;
    • soggetti terzi, nei casi espressamente previsti dalla legge, ovvero ancora se la comunicazione si renderà necessaria per la tutela del Titolare in sede giudiziaria, nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia di protezione dei dati personali.


  14. Trasferimento dei dati personali verso Paesi non appartenenti all’Unione Europea
  15. I dati dell’Utente, raccolti ed elaborati, non verranno trasferiti presso Società o altre entità al di fuori del territorio comunitario.



  16. Tempi di conservazione dei dati
  17. I dati raccolti saranno conservati per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati, conformemente a quanto previsto dagli obblighi di legge.



  18. Diritti degli interessati
  19. L’Utente può esercitare i diritti di cui agli artt. 15 e ss. GDPR, ove applicabili. Fra questi, il diritto di chiedere la rettifica o la cancellazione dei dati di registrazione, la limitazione del trattamento o di opporsi al trattamento, nei casi previsti.

    Le richieste per l’esercizio di questi diritti dovranno essere inviate al Titolare del trattamento all’indirizzo: e-mail: rpd@cimafoundation.org.

    È sempre possibile, inoltre, esercitare il diritto di proporre reclamo ad un’Autorità di Controllo e, qualora l’Utente lo ritenga opportuno, adire il Garante per la protezione dei dati personali allorquando il trattamento sia avvenuto in modo non conforme al Regolamento, ai sensi dell'articolo 77 GDPR.